Thursday, April 11, 2019

The History Behind a Key Scene in Francesco Rosi's 'Christ Stopped at Eboli'

(Andate sotto per leggere la nostra intervista in Italiano)

In Part Two of our series on the release of Francesco's Rosi's complete uncut version of Christ Stopped at Eboli, we are looking into a key scene in which Carlo Levi talks with Gagliano's mayor about the briganti freedom fighters and the peasants' never-ending struggles with red tape and government. He referenced the Siege of Melfi where he believes it all began, because up to that point, the region of Basilicata or the South for that matter had its own wealth. He went on to explain that the battle had a far-reaching effect on Lucania because not only were the riches taken and the city of Melfi destroyed, but the people were also killed. How does a culture recover when much of the population is wiped out? Today, when we speak of poverty in the South of Italy, it is worth noting that even though it was a few hundred years ago, the Siege of Melfi forever changed the region of Basilicata and impacted the mass immigration of the early to mid 1900s when our own descendants fled for American shores. 

Rafaella Sacco
It is difficult to find information in English about the siege, which took place in the 1500s. There is information about the conquest of the Normans in 1053, but very little about the devastation that took place in the Middle Ages. So, I turned to Raffaella Sacco, a Matera native and avid history buff with endless knowledge about the history of her land. She received her doctorate in Architecture and Engineering at the University of Pisa. She left her region of Basilicata to study in the North because she felt that she could get a better education with less politics and red tape. When she arrived there, she found that many of her professors were of southern origins, validating her feelings. She told me that after earning her degree, she returned to the south because she believes in its redemption. "If all the best minds continue to go away, how is it possible to redeem it? I am from Matera and my city is the emblem of this desire for change. It is the third oldest city in the world with man continually living there since prehistoric times. It is a wonderful city- ancient and sacred. It is the city from which the redemption of southern Italy will start again. I am sure of it!" 

It's important to mention that Monte Vulture, a now dormant volcano with two small recreational lakes, is a point of reference on this topic because the towns surrounding it are in very close proximity to each other. These days, there is a friendly community of young winemakers who are building the local economy and tourism sector. Wines made from the area's renowned Aglianico grape, are distributed throughout the world, putting Basilicata on the map as one of Italy's quality wine producers. 

What was southern Italy, Basilicata in particular, like before the siege?
Southern Italy was known as the Kingdom of Naples. Its wealth was due to various European rulers. At the end of the 14th century, Basilicata was involved in the bloody battles for the succession to the throne between Louis I of Hungary and Charles of Durazzo (who became Charles III King of Naples), with the looting of the Vulture area by the Hungarians.
In the second half of the fifteenth century, there was a general economic recovery: signs of an increase in commercial activities occurred in well-connected centers such as Venosa and Matera and substantial population growth was recorded. The latter had to contribute to the immigration of the refugees from Constantinople following the fall of the city under Ottoman rule. Between 1450 and 1480, numerous groups of Greek and, above all, Albanian exiles arrived at the Ionian coasts following Giorgio Castriota Scanderbeg  the leader who had fought on the side of Ferdinand II of Aragona. These new communities mainly repopulated the Vulture area (Barile, Rionero, Maschito) and then settled in San Chirico Nuovo, Ruoti and Brindisi Montagna.  In Matera, instead, the Schiavone (slaves) founded a neighborhood, digging the dwellings in the part of the Sassi still known as 'Casalnuovo'.

What can you tell me about the actual siege?
France and Spain had been competing for some decades against both the Duchy of Milan (northern Italy) and the Kingdom of Naples (southern Italy; in the center of Italy there was the reign of the Pope). This conflict turned a large part of Italy into a battlefield. After the discovery of America in 1492, the Spaniards and the French continued their expansion activity in both the Americas and in Europe, focusing on the Italian peninsula for its great wealth. They inflicted a crushing defeat on the French in Pavia (northern Italy) in 1525. Leaving aside the French, at least temporarily, Charles V thought it was time to punish the Pope, Clement VII, for his pro-French policy, which led to the formation of the Cognac League, which ultimately resulted in the sack of Rome (May 1527). The horror of the Lanzi's atrocities (but the Spanish soldiers, however catholic, were no exception) and for the sacrilege inflicted on Rome shakes the whole of Europe. Carlo - king of the very Catholic Spain, as well as emperor - whose events may have gotten out of hand, is forced, politically, on the defensive. The French think it is a good opportunity to justify a new descent in Italy, in search of a rematch, and to denounce definitively the harsh conditions (Treaty of Madrid) that they had to accept after the Pavia debacle. With strong English economic support, they send a strong army into Italy under the command of the Lautrec. Just one year later, they advance towards the South. The Siege of Melfi began in the wake of the dismay caused throughout Europe by the brutal conquest of the Eternal City and the imprisonment of the Pope by the troops of Charles V. The Siege of Melfi was probably the most bloody massacre in the history of the city as it was considered a strong economic and military market. The Melfitan resistance fought back but it was short lived. The French artillery massacred the Melfi defenders and caused fires along the walls. Although rapid, the battle was bloody and caused huge losses.

What happened after the siege?
The decision to attack Melfi decisively influenced the final outcome of the war. In fact, after setting Melfi on fire, the French were able to reach Naples in an orderly manner and organize an effective defense, so much so that the siege of the city was transformed (in truth for many reasons) into a disaster for the French army. Once again, Charles V, king of Naples, defeated the French, whose attempt to conquer Naples, put under siege after the Sacco Melfi, also failed because of a serious pestilence that spread among the troops and the Odet de Foix himself. He therefore punished the Caracciolos for this betrayal by giving Melfi to the Genoese Doria- decisive and unexpected allies of the emperor in this last battle. The event had serious consequences on the life and economy of the city of Melfi so that in the years immediately following it had to proceed to the issuance of special measures to favor its repopulation. In particular, the citizens of Melfi were exempt from paying taxes.

In the film, there is a lot of talk about the briganti. Were the briganti born of this war or did they exist before? 
The official historiography tends to give a negativity to the term briganti. More accurate studies tend to identify this name by valiant citizens who stood up against foreign domination, a bit like it happened with the Siege of Melfi. The term "Briganti" was coined by the French to define those southern rebels who opposed the French invasion. The Lucanian brigandi, on the other hand, were those who carried out the city's resistance to the Savoy invasion (Piedmontese) in the nineteenth century. The official historiography tells the story of 1000 brave volunteers headed by Garibaldi who reached southern Italy to implement the unification of the boot. The true story is very different. The Piedmontese, after having occupied Sardinia, aim to also take the south of Italy, above all its riches. They were assisted in this occupation by the British who could thus see the elimination of a strong antagonist state. The Bourbon kingdom of Southern Italy was the third world power, resting on a large gold reserve and an advanced industry. Garibaldi was chosen precisely because, after having participated in the Mazzinian attempt to invade the Kingdom of Sardinia, he set himself first to be a pirate in the wake of the Bey of Tunis and then was forced to flee to South America to avoid being hanged. So he was involved first in the theft of horses in Peru and then he practiced piracy for the Asian slave trade- certainly not the saint he was claimed to be by Renaissance history. And if it was true, how would a small group of thousands of volunteers outperform such a strong state? On the same day, 20 October 1860, the dictator, who exiled bishops, archbishops and cardinals, pardoned all those sentenced to life imprisonment and jail for common crimes. Garibaldi made those criminals officers, magistrates, aristocrats, priests and friars. As for the land, it certainly was not in the hands of the peasants, towards whom he showed contempt (he considered them "servants of the priests" because they did not associate themselves with his mad red shirts), but of the Piedmontese State, of the aristocracy and of the southern land bourgeoisie, who immediately understood, as Tommasi di Lampedusa tells us in his Il Gattopardo, that it could very well change everything, even putting on a red shirt, without changing anything, or perhaps, gaining even more. It is no coincidence that after the conquest of Sicily, Garibaldi found more friends in Turin and in London than in the South.

A scene from Christ Stopped at Eboli
(For as much as I have always wanted to completely understand and appreciated Carlo Levi's contribution to the South, I've always felt that his writings did lasting damage to the region's reputation in the history books. Sacco validated those concerns in her response to my next question.)

In the film, Levi said that the South was never able to recover from this war. Do you agree?
Carlo levi was born in Turin in 1902 and completed his training between northern Italy and Paris. He knew almost nothing of southern Italy except when he was sent into exile for his anti-fascist activity, to Grassano first and then to Aliano. For this reason, his discovery of Basilicata becomes a bit the global representation of the southern Italy. The Siege of Melfi therefore becomes the emblem of the subjection of Basilicata, plundered by foreign peoples. Until then, however, the Vulture-Melfese had experienced great splendor as is visible from the fact that Frederick II, one of the most important figures of the Middle Ages, had his castle built in Melfi from which he promulgated in 1231 the famous laws "Costitutiones Augustales", the first written text of organic laws of the medieval period. He also built the Lagopesole castle as a hunting estate. He was also able to have the Castle of Lavello and San Gervasio built, confirming that these places experienced a period of great splendor until the sixteenth century.
In the seventeenth century, there was the Spanish domination which for a long time was accused by historiography of being the cause of the subsequent southern poverty. Personally, however, I believe that the moment of real crisis came precisely with the unification of Italy and therefore this question could not be affirmed precisely by a Piedmontese like Levi who, in exile, fell in love with Basilicata and told his tormenting charm. His visit to Matera highlighted the contrasts between scenic beauty and social poverty. The Sassi of Matera are today decanted as one of the greatest worldwide examples of Bio-architecture as for centuries it has been built with full respect for the environment. Matera rises on a side of canyons whose side walls have been carved out of the tuff mass by the corrosive action of the Gravina stream. Here, men have made homes by digging directly into the tuff material of the canyon, creating caves. These dwellings were built according to the orientation of the cardinal points and taking advantage of the difference in radiation between summer and winter, moreover inventing an ingenious rainwater collection system (which is why Matera is part of the Unesco heritage). For millennia, the population has lived in this perfectly integrated system except from the beginning of the twentieth century when a housing surplus forced the inhabitants of Matera to occupy churches and stables to respond to a cogent housing problem. This is the Matera described by Carlo Levi, whose tales reached Parliament and decided to start depopulating the Sassi. The Italian State confiscated all the houses putting them in the state heritage and built the first modern city thanks to the contribution of the greatest Italian and foreign architects and engineers.

How can people learn more about the plight of the briganti? Can you recommend books with more information on these battles that shaped southern Italy?
The brigandage has been rediscovered above all in the last thirty years. Since the early 2000s, the Basilicata region has had an open-air theater built in Brindisi di Montagna, located in the province of Potenza, in a spectacular natural setting in which every summer, as many as 300-400 actors appear on a natural scenic area. Among the resources utilized to create a multi-media event are twenty-five thousand square meters of land with over 600 light projectors, 45,000 watts of power, a broadcast quality sound system, dynamic projections of large images, water screens, and evocative scenographic settings. Combined, they give life each year to a unique type of live movie called, La Storia Bandita (The Story of the briganti). Led by the charismatic Carmine Crocco, the briganti fight against the Piedmontese soldiers of the Kingdom of Savoy. It's an extraordinary artistic performance enhanced by incredible special effects and the well-known voices of Michele Placido, Lina Sastri, Paolo Ferrari and Orso Maria Guerrini. This show, which I saw for the first time in 2001 and then two more times in the following years, always leaves me breathless. It inspired me to study the true southern story that I studied in depth thanks to Pino Aprile's books: Terroni. Tutto quello che è stato fatto perché gli italiani del Sud diventassero meridionali (Milano, Piemme, 2010). Two others that I can recommend are
Giù al Sud. Perché i terroni salveranno l'Italia, (Milano, Piemme, 2011) and Il Sud puzza. Storia di vergogna e d'orgoglio, (Milano, Piemme, 2013).

Recommended books on Amazon for reading about the history of Basilicata:



        


L'intervista originale completa (In Italian) 


Raccontami questa guerra..
Francia e Spagna si contendono da qualche decennio sia il Ducato di Milano (nord italia) che il Regno di Napoli (sud Italia; al centro Italia c'era il regno del Papa). Questo conflitto fa di larga parte d'Italia un campo di battaglia, cui prendono parte anche gli stati italiani, con alleanze oscillanti, appoggiando ora uno ora l'altro dei due grandi contendenti. Dopo la scoperta dell'America del 1492, gli Spagnoli e i Francesi continuano la loro attività espansiva sia nelle Americhe che in Europa, puntando sulla penisola italiana per la sua grande ricchezza. Infliggono a Pavia (nord Italia), nel 1525, una cocente sconfitta ai Francesi. Tolti di mezzo, almeno temporaneamente, i Francesi, Carlo V pensa sia giunto il momento di punire il papa, Clemente VII, per la sua politica filo-francese, che ha portato alla formazione della Lega di Cognac. I mercenari luterani al soldo dell'imperatore cattolico – i famigerati Lanzichenecchi – non chiedono di meglio. È il sacco di Roma (maggio 1527). L'orrore per le atrocità dei Lanzi (ma le soldatesche spagnole, per quanto cattoliche, non furono da meno) e per il sacrilegio inflitto all’Urbe scuote l'intera Europa. Carlo – re della cattolicissima Spagna, oltre che imperatore - cui forse gli eventi sono sfuggiti di mano, è costretto, politicamente, sulla difensiva. I Francesi pensano sia una buona occasione per giustificare una nuova calata in Italia, alla ricerca di una rivincita, e per denunciare definitivamente le dure condizioni (trattato di Madrid) che hanno dovuto accettare dopo la debacle di Pavia. Forti anche dell'appoggio economico inglese inviano in Italia un forte esercito al comando del Lautrec. Un solo anno dopo, per continuare ad avanzare lungo lo stivale italiano, verso sud, avvenne l'Assedio di Melfi quando l'esercito francese, al comando di Odet de Foix, Maresciallo di Francia e conte di Lautrec e Comminges, fu inviato in Italia proprio sull'onda dello sgomento causato in tutta Europa dalla brutale espugnazione della Città Eterna e dall'imprigionamento dello stesso Pontefice ad opera delle truppe di Carlo V. L'assedio di Melfi fu probabilmente la strage più sanguinaria della storia della città in quanto considerata una forte piazza economica e militare. La resistenza melfitana è accesa, ma breve. Le artiglierie francesi fanno strage dei difensori e scatenano incendi lungo le mura. Un primo assalto è respinto, ma infine gli assedianti passano. Benché rapida, la battaglia è cruenta: le fonti riferiscono di ingenti perdite - si parla di cinquecento uomini - anche dalla parte francese (sessanta sarebbero stati i caduti tra i militi delle Bande Nere), alcuni periti per fuoco amico sotto il violento tiro di artiglieria ordinato dal Navarro.

Spiegami come era il sud, Lucania in particolare, prima del assedio di Melfi?  
"Il sud Italia era conosciuto come il Regno di Napoli. Per le sue ricchezze fece sempre gola ai vari regnanti europei. Alla fine del XIV secolo la Basilicata fu coinvolta nelle sanguinose lotte per la successione al trono fra Luigi I d'Ungheria e Carlo di Durazzo (che divenne Carlo III re di Napoli), con il saccheggio della zona del Vulture da parte degli Ungheresi. Nel 1405 a Saponara la strenua difesa opposta all'avanzata delle forze reali, convinse Ladislao d'Angiò a concedere al popolo un indulto (firmato il 14 aprile), che garantiva un'esenzione fiscale e l'impegno del re a non infeudare il comune, che divenne "città regia". Sergianni Caracciolo, napoletano e ministro della regina Giovanna II D'Angiò-Durazzo di Napoli, ottenne nel 1416 la signoria su Melfi e il territorio del Vulture, estendendo poi i domini della casata fino al Melandro e, per qualche tempo, anche su Marsico e Miglionico. La Basilicata in questo secolo fu teatro della famosa Congiura dei baroni (ricordata a Miglionico con una rappresentazione teatrale nel suo castello) ordita nel 1485 dal principe di Salerno Antonello II dei Sanseverino consigliato da Antonello Petrucci e Francesco Coppola, ai danni del re di Napoli Ferdinando I di Napoli che coinvolse molte famiglie feudatarie di signori e baroni del regno della fazione guelfa favorevoli agli angioini (francesi), tra cui oltre i Sanseverino si ricordano i Caracciolo principi di Melfi, i Gesualdo marchesi di Caggiano, gli Orsini Del Balzo principi di Altamura e di Venosa, i Guevara principi di Teramo, i Senerchia conti di S.Andrea e Rapone, che si riunirono nel Castello di Miglionico (detto del Malconsiglio o della congiura dei Baroni).
Nella seconda metà del XV secolo si ebbe una generale ripresa economica: segnali di un incremento delle attività commerciali si ebbero soprattutto in centri ben collegati come Venosa e Matera e si registrò una sostanziale crescita demografica. A quest'ultima dovette contribuire l'immigrazione dei profughi costantinopolitani in seguito alla caduta della città sotto il dominio ottomano. Tra il 1450 e il 1480 approdarono alle coste ioniche numerosi gruppi di esuli greci e, soprattutto, albanesi giunti al seguito di Giorgio Castriota Scanderbeg, il condottiero che aveva combattuto dalla parte di Ferdinando II di Aragona. Queste nuove comunità ripopolarono soprattutto la zona del Vulture (Barile, Rionero, Maschito) e poi si stabilirono a San Chirico Nuovo, Ruoti e Brindisi Montagna. A Matera, invece, gli Schiavoni fondarono un vero e proprio quartiere, scavando le abitazioni nella massa tufacea di quella parte dei Sassi a tutt'oggi nota con il nome di "Casalnuovo"."

E dopo? 
"La decisione di attaccare Melfi influì decisivamente sull'esito finale della guerra. Infatti dopo aver messo Melfi a ferro e fuoco, i Francesi ebbero modo di raggiungere ordinatamente Napoli e di organizzare un'efficace difesa, tanto che l'assedio della città si trasformò (in verità per molteplici concause) in un disastro per l'armata francese. Carlo V, re di Napoli, sconfisse anche questa volta, i Francesi, il cui tentativo di espugnare Napoli, messa sotto assedio dopo il Sacco Melfi, fallisce anche a causa di una grave pestilenza che si diffonde tra le truppe e che miete la vita dello stesso Odet de Foix,. Egli dunque punirà i Caracciolo per questo tradimento dando Melfi in feudo ai genovesi Doria, decisivi ed inattesi alleati dell'imperatore in quest'ultima battaglia. L'evento ebbe gravi conseguenze sulla vita e sull'economia della città di Melfi tanto che negli anni immediatamente successivi si dovette procedere all'emanazione di provvedimenti speciali per favorirne il ripopolamento. In particolare, la cittadinanza di Melfi, città dichiarata “fedelissima”a Napoli, con editto imperiale, venne per un lungo periodo esentata dal pagamento delle tasse."

Questo "Assedio di Melfi" fu' l evento che cambiò il sud?
"Nella lotta tra Francia e Spagna per il dominio sull'Italia, apertasi nel 1516, la Basilicata subì nuove distruzioni. Con il dominio dell'Italia meridionale l'imperatore Carlo V di Spagna tolse i loro domini ai feudatari precedenti, tra i quali i Caracciolo; i feudi di Melfi, Candela, Forenza e Lagopesole andarono così ad Andrea Doria "in soddisfazione della rendita annua di 6.000 ducati" e in cambio dei servigi resi alla corona, nel momento di massima ricchezza e splendore del condottiero genovese(Giovanni Simeone) e della sua città.
I feudi dei Sanseverino furono divisi fra le famiglie dei Carafa (principi di Stigliano), Revertera, Pignatelli e Colonna. In questo contesto si inserisce la tragica vicenda della poetessa Isabella di Morra.
La Basilicata fu in gran parte sottoposta alla giurisdizione di Salerno (Campania), mentre Matera e la Murgia facevano ancora parte della Terra d'Otranto (attuale Puglia). Con l'avvento della nuova classe dirigente, estranea al territorio di cui godeva il possesso, e con lo spostamento dei traffici commerciali dal Mediterraneo all'Atlantico, i feudi lucani furono considerati pura fonte di reddito e i nuovi baroni prestarono scarsissimo interesse al miglioramento delle condizioni economiche e sociali dei propri possedimenti. Vi furono anche casi di rivolta contro gli abusi dei baroni: a Matera, ad esempio, i cittadini sfiniti dalle esose contribuzioni richieste dal nuovo signore assegnato dal re, il banchiere napoletano Giovan Carlo Tramontano, nella notte di Natale del 1514 gli tesero un agguato e lo uccisero, non consentendogli di ultimare il suo imponente castello. I mercati dei centri urbani riuscivano in qualche modo a garantire un certo vigore economico, mentre le campagne agricole si basavano sull'autoconsumo delle famiglie e ben poco del prodotto poteva essere destinato ai mercati esterni. Nel 1528, i lanzichenecchi, dopo il sacco di Roma portano nuove distruzioni, in particolare a Melfi."

Nel film, hanno parlato molto di "Briganti". Nacquero in questa guerra? O esistevano prima? 
"La storiografia ufficiale tende a dare una eccezione negativa al termine brigante, diversamente dopo studi più accurati si è teso ad identificare questo nome semplicemente cittadini valorosi che si rivoltavano alla dominazione straniera, un po' come avvenne col Sacco di Melfi. Il termine “Brigante” fu coniato proprio dai francesi per definire quei ribelli meridionali che si opponevano all’invasione francese. I briganti lucani, invece, furono coloro che attuarono nell'Ottocento la resistenza cittadina all'invasione Sabauda (piemontese).  La storiografia ufficiale ci racconta la favola di 1000 valorosi volontari che capeggiati da Garibaldi giunsero al sud Italia per attuare l'unificazione dello stivale. La storia vera è ben diversa, i Piemontesi dopo aver occupato la Sardegna mirano a prendere anche il sud Italia mirando soprattutto alle sue ricchezze. Furono aiutati in quest'occupazione dagli Inglesi che così potevano vedere l'eliminazione di uno Stato forte antagonista. Il regno borbonico del Sud Italia era la terza potenza mondiale, poggiante su una grossa riserva aurea e un'industria avanzata. Fu scelto Garibaldi proprio perchè, dopo aver partecipato al tentativo mazziniano di invasione del Regno di Sardegna, si mise dapprima a fare il pirata al seguito del bey di Tunisi e poi fu costretto a fuggire in Sudamerica per non finire impiccato. Quindi si coinvolse prima nel furto di cavalli in Perù (dove gli vennero tagliati i padiglioni degli orecchi), e poi praticò la pirateria per il commercio degli schiavi asiatici, non certo un santo come poi fu decantato dalla storia rinascimentale. E se fosse stato vero come avrebbe uno sparuto stuolo di mille volontari (?) sbaragliare uno stato così forte? "Lo stesso giorno 20 ottobre (1860) il Dittatore, il quale esiliava vescovi, arcivescovi e cardinali, fece grazia a tutti i condannati all’ergastolo e alla galera per delitti comuni. Garibaldi sbarazzava le carceri di quei malfattori, per mettervi ufficiali, magistrati, aristocratici, preti e frati. E così si faceva l’Italia" scriverà lo scrittore contemporaneo siciliano, Carlo Alianello. Quanto alle terre promesse dal Nizzardo ai meno abbienti, esse finirono non certo nelle mani dei contadini, verso cui dimostrava disprezzo (li considerava “servi dei preti”, perché non si associavano alle sue scalmanate camice rosse), ma dello Stato piemontese, dell’ aristocrazia e della borghesia fondiaria meridionale, che capirono subito, come ci dice Tommasi di Lampedusa nel suo “Il gattopardo”, che si poteva benissimo cambiare tutto, anche mettendo la camicia rossa, senza cambiare nulla, o forse, guadagnandoci ancora di più (Tommasi di Lampedusa accenna infatti allo spartizione, da parte dei nuovi vincitori, delle terre comuni e di quelle della Chiesa, che sino ad allora servivano invece, molto spesso, al sostentamento delle classi più povere). Non è un caso che dopo la conquista della Sicilia, Garibaldi abbia trovato più amici a Torino e a Londra che in Meridione. Qui infatti il mito di Garibaldi, già di per sé circoscritto, era durato poco più dello spazio di un mattino. Infatti, come testimonia Giuseppe La Farina, braccio destro di Cavour nella organizzazione della spedizione dei Mille, le cui lettere sono state pubblicate sempre da Angela Pellicciari, Garibaldi e i suoi avventurieri si erano subito rivelati per quello che erano: saccheggiatori di ogni ricchezza, pubblica e privata, nelle orge e nel dispotismo. Durante l'assedio piemontese al sud italia dunque ci furono moti di rivolta alla conquista avvenuta con fucilazioni, depredazioni, incendi e stupri. Nacquero gruppi di rivolta definiti dalla storia ufficiale Briganti, altro non erano che gli uomini che non accettarono l'occupazione passiva delle proprie terre. Il 15 aprile 1861, Melfi (come tutta la zona del Vulture) fu protetta dalle bande capeggiate da Carmine Crocco, che sbaragliò le guarnigioni sabaude in poco tempo e fu ovviamente accolto trionfalmente dalla popolazione locale."


Nel film, Levi diceva che il Sud non è mai stato in grado di riprendersi da questa guerra. In base alla tua conoscenza della storia, ritieni che questa sia una valutazione equa?
"Carlo levi nacque a Torino nel 1902 e compì la sua formazione tra il nord Italia e Parigi. Non conosceva quasi nulla del sud Italia se non quando fu mandato in esilio, per la sua attività antifascista, a Grassano prima ed ad Aliano poi. Per questo la sua scoperta della Basilicata diviene un po' la rappresentazione globale del meridione del Bel Paese. Il Sacco di Melfi dunque diventa emblema della sudditanza della Basilicata, depredata da popoli stranieri. Fino ad allora invece, il vulture-melfese aveva vissuto grandi splendori come è visibile dal fatto che Federico II, uno dei personaggi più importanti del medioevo, fece costruire il proprio castello a Melfi dal quale promulgò nel 1231 le famose leggi "Costitutiones Augustales", il primo testo scritto di leggi organiche del periodo medievale. Fece inoltre costruire il castello di Lagopesole  come tenuta di caccia. Riuscì a far edificare inoltre anche il Castello di Lavello e di San Gervasio a conferma che questi luoghi vissero fino al Cinquecento un periodo di grande splendore.
Nel Seicento ci fu la dominazione spagnola che a lungo, fu accusata dalla storiografia, essere le causa della successiva povertà meridionale. Personalmente invece credo che il momento di reale crisi si è avuta proprio con l'Unità d'Italia e quindi questa questione non poteva essere affermata proprio da un piemontese come Levi che però, in esilio, si innamorò della Basilicata raccontandone il suo struggente fascino. La sua visita a Matera evidenziò i contrasti tra la bellezza paesaggistica e la povertà sociale. I Sassi di Matera sono oggi decantati come uno dei massimi esempi mondiali di Bioarchitettura in quanto per secoli si è costruito nel pieno rispetto dell'ambiente. Matera sorge su un lato di canyon le cui pareti laterali sono state scavate nella massa tufacea dall'azione corrosiva del torrente Gravina. Qui gli uomini hanno realizzato delle abitazioni scavando direttamente nel materiale tufaceo del canyon realizzando grotte che poi venivano tamponate col materiale di risulta. Queste abitazioni vennero realizzate secondo l'orientamento dei punti cardinali e sfruttando la differenza di irraggiamento tra estate ed inverno, per di più inventando un ingegnosissimo sistema di raccolta delle acque piovane (motivo per cui Matera rientra nei beni Unesco). Per millenni la popolazione ha vissuto in questo sistema perfettamente integrato tranne dall'inizio del Novecento quando, un surplus abitativo, costrinse gli abitanti di Matera ad occupare chiese e stalle per rispondere ad un cogente problema abitativo. E' questa la Matera che vede e descrive Carlo Levi, i cui racconti giunsero fino in Parlamento e si decise di avviare lo spopolamento dei Sassi. Lo Stato Italiano confiscò tutte le abitazioni mettendole nel patrimonio statale e realizzò la prima città moderna grazie all'apporto dei più grandi architetti e ingegneri italiani ed esteri."

Puoi consigliare libri che le persone possano leggere per saperne di più su questo periodo? 
"Il brigantaggio è stato riscoperto soprattutto nell'ultimo trentennio. La regione basilicata già dai primi anni del 2000 ha fatto realizzare a Brindisi di Montagna (pz), in un luogo naturale spettacolare, un teatro all'aperto in cui, ogni estate ben 300/400 attori figuranti, su un’area scenica naturale di 25000 mq con oltre 600 proiettori luce, 45000 watt di potenza per un sistema audio multidiffusione, proiezioni dinamiche di grandi immagini, schermi ad acqua, e suggestive ambientazioni scenografiche danno vita ogni anno ad un “film dal vivo” unico nel suo genere, La Storia Bandita, con protagonisti i briganti lucani guidati dal carismatico Carmine Crocco, in lotta contro i soldati piemontesi del Regno Sabaudo. Una straordinaria performance artistica impreziosita da incredibili effetti speciali e dalle ben note voci di Michele Placido, Lina Sastri, Paolo Ferrari e Orso Maria Guerrini. Questo spettacolo, che vidi per la prima volta nel 2001 e rividi altre due volte negli anni a seguire lasciandomi sempre a bocca aperta, aprì dentro me la necessità di studiare la vera storia meridionale che ho approfondito grazie ai libri di Pino Aprile: -"Terroni. Tutto quello che è stato fatto perché gli italiani del Sud diventassero meridionali" Milano, Piemme, 2010."

C'è altro che vorresti aggiungere? 
"Durante il mio periodo universitario a Pisa sono stata, per due mandati, consigliere dell'Associazione Lucani a Pisa e già allora cercai di organizzare un evento per invitare lo scrittore pugliese Pino Aprile in modo da organizzare una serata per la conoscenza e la diffusione della vera storia meridionale prenunitaria e post unitaria. Centocinquanta anni di menzogne necessitano che la verità diventi storia e spazzi le versioni imposte negli anni dai poteri forti e dalla massoneria. Nel 2017 sono stata socia dell'Associazione Granosalus che portava avanti la necessità della valorizzazione dell'ottimo grano italiano (soprattutto dell'Italia meridionale) purtroppo non protetto dalla classe politica, soprattutto europea che ha permetto l'arrivo in Italia di ingenti quantità di grano canadese (di quarto livello, quello usato come mengime per gli animali in nord america, ricco di sostanze tossiche come il glifosato e il don (muffe) dovuto al trasporto in container) da mischiare con l'ottimo grano meridionale in modo da mantenere comunque il livello minimo di tossicità prevista per legge su livelli accettabili. In quel tempo conobbi altre persone appassionate come me della vera storia meridionale. Questa necessità di riscoprire le vere origini ha generato nel sud italia addiruttura l'eliminazione di alcuni nomi famosi nella storia d'Italia risorgimentale dalla toponomastica di strade e piazze meridionali. Questo perchè deve essere fatta luce anche sulla deportazione dei meridionali da parte dei Piemontesi nel leger di Fenestrelle e delle barbarie subite dai meridionali in nome di un'inferiorità etnica che alcuni studiosi del nord dell'epoca millantavano come Lombroso. Da questa parte di storia taciuta nacque la povertà meridionale del Novecento da cui seguì l'emigrazione in tanti Paesi del Mondo, alla ricerca di fortuna, compresi gli Stati Uniti d'America."

I libri di Pino Aprile disponibili sul Amazon:

          

No comments:

Post a Comment

Note: Only a member of this blog may post a comment.

Celebrate Ferragosto Italian Cinema-Style!

Buon Ferragosto! Celebrate the European feasting holiday Italian-style with these two classics on Amazon  and  The Criterion Collection .. ...